Popolazione croata

Etnie della Croazia

Etnie della Croazia

La Croazia presenta una popolazione abbastanza omogenea dal punto di vista etnico, ma sarebbe tuttavia molto sbrigativo definire tutti gli abitanti di questo territorio come slavi. La nazione è per la maggior parte abitata da croati (chiamati in lingua locale Hrvati) che vanno a costituire l'89,6% della popolazione totale, definito come un gruppo etnico originario nella penisola balcanica (dove ha sede la stessa nazione), dislocato non solo in Croazia ma anche negli Stati vicini, soprattutto nella Bosnia-Erzegovina.

L'origine della etnia croata è incerta, almeno per quanto riguarda il periodo antecedente le migrazioni slave; in generale, è ben accetta la teoria che vuole i croati originari dalle regioni settentrionali della catena dei Carpazi, spintisi poi più a meridione, nell'attuale regione delle Alpi Dinariche. Le stime parlando di circa 5 milioni di croati presenti nelle regioni meridionali dell'Europa centrale e circa 9 milioni sparsi in tutto il pianeta. Le migrazioni di questa popolazione sono ben note, come lo è la diaspora croata (la prima iniziò intorno al XV e XVI secolo), succedutasi per ragioni politiche, sociali e non ultime, economiche (in particolare lungo le regioni degli Stati Uniti, abitate da circa 400.000 croati, del Cile con 380.000 croati, dell'Australia, dove un censimento di del 2006 contava circa 118.000 persone con antenati croati; il famoso attore Eric Bana ha origini croate, il suo vero cognome è infatti Banadinović). Numerose comunità croate continuano ad esistere anche in altre nazioni come la Nuova Zelanda, la Germania, l'Argentina e tra le altre, anche l'Italia (in particolare nel Molise).

Serbi, bosniaci, ungheresi, italiani, sloveni, tedeschi e rom, costituiscono le minoranze etniche della Croazia. Sono purtroppo ben note le passate tensioni etniche tra croati e serbi: la popolazione serba presente in Croazia, prima del 1990 parte della nazione costituente, viene oggi riconosciuta come minoranza nazionale. All'atto della dichiarazione d'indipendenza da parte della Croazia dalla Jugoslavia (1990), il governo di Belgrado (Serbia) decise di non accettare il potere dello Stato croato sulle regioni ad etnia serba, gli avvenimenti furono tali da dare inizio alla guerra tra Croazia e Serbia (1991) a cui seguì la serie di conflitti noti come Guerra dei Balcani, che vide la partecipazione di altre nazioni slave, tra cui la Bosnia-Herzegovina.

Durante il conflitto (o meglio, la serie di conflitti) Slobodan Milozević proclamò l'istituzione della Repubblica serba di Krajina, continuando a porre sotto assedio parte della Croazia e della Costa Dalmata, in particolare. I serbi definiscono la suddetta guerra una mera guerra civile, i croati dal canto loro la definiscono un'aggressione causata dagli accordi di Karađorđevo, che puntavano alla distribuzione della Bosnia tra Croazia e Serbia. Di certo c'è che la guerra (terminata definitivamente nel 2001), una delle più cruente del XX secolo, causò migliaia di vittime e la migrazione di numerosi croati e altrettanti serbi e bosniaci.

Riguardo alla presenza della minoranza italiana in Croazia, questa è dovuta non solo alla vicinanza geografica con la nostra nazione, ma anche e soprattutto a ragioni storiche. Nel secolo scorso, negli anni immediatamente dopo la seconda guerra mondiale, erano ben 76.093 (2% della popolazion) gli italiani presenti in Croazia, contro i 6.169 del 1931. Nel 1953, solo 5 anni dopo, la controtendenza riporta il numero a meno della metà, con 37.565 italiani presenti. Nel 2001 gli italiani residenti in Croazia costituirono lo 0,4% dell'intera popolazione (19.677).

Gli italiani in Croazia sono insediati in particolare nelle regioni costiere della Dalmazia, isole del Quarnaro, Istria e Fiume, dove in queste ultime vengono riconosciuti anche come popolazione autoctona. Esistono inoltre due minute comunità legate in qualche modo all'Italia, più che altro di origine romanza: quella degli Istroromeni (detti anche Cicci), originaria dalla Romania e dall'emigrazione di alcuni daci-romanizzati, e appunto presente nella regione dell'Istria e quella dei Morlacchi (noti anche come nigri-latini o mauro-valacchi), originatesi sempre dalla Illiria romanizzata.

Ultimi articoli

Argomenti correlati

Articoli più letti

Voli economici per la Croazia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...